Le interviste ai dipendenti di Teleperformance Italia

Antonino e il suo lavoro nella sede Teleperformance di Parco Leonardo

Ecco a voi un’intervista volta a scoprire il ruolo del Client Service Delivery Manager, ricoperto da Antonino che oggi racconta al nostro blog come svolge il suo lavoro in Teleperformance Parco Leonardo.

REDAZIONE: Da quanto tempo lavori in Teleperformance?
ANTONINO: Ho iniziato come operatore telefonico nel lontano aprile 2005

R: Da quanto invece sei impegnato in questa area?
A: Da ottobre 2011 ricopro un nuovo ruolo…quello di Client Service Delivery Manager.

Antonino, Client Service Delivery ManagerR: Di cosa ti occupi?
A: Mi occupo delle gestione quotidiana del Cliente committente in tutti i suoi aspetti, partecipando alle riunioni periodiche sullo stato di avanzamento dei progetti fino alla fatturazione del servizio erogato e collaborando con Site Director, Floor Manager e Supervisori per il raggiungimento degli obiettivi qualitativi e quantitativi nell’ottica di massimizzare la soddisfazione del Committente stesso.
A Gennaio 2011 ho acquisito, inoltre, la qualifica di COPC Registered Coordinator con l’obiettivo di co
ordinare il team di lavoro nel raggiungimento dello standard COPC ottenuto nel Dicembre 2011.
R: Come si svolge la tua giornata tipo?
A: La mia giornata è caratterizzata da file, analisi, previsioni e da un infinito numero di conference telefoniche con Cliente e referenti Corporate. La caratteristica predominante del mio lavoro è l’impossibilità di pianificare le mie attività essendo il più delle volte impegnato a far fronte ad aspetti imprevisti da gestire.

R: Raccontaci i tuoi compagni di stanza…
A: Lavoro con il FM Luca e il QA SV Ilaria. Due colleghi che conosco da tantissimo tempo e con i quali ho condiviso tantissime avventure. Lavorare nello stesso ufficio ci permette di velocizzare il nostro lavoro e di avere quella collaborazione e condivisione costante delle problematiche per una celere risoluzione. L’aspetto divertente è che ci sono momenti della giornata in cui la stanza si trasforma in una vera e propria location da concerto Heavy metal. Qualcuno sostiene (senza fare nomi) che quella musica ti da la giusta carica e tranquillità…… vi lascio immaginare che tipo di tranquillità!!!! 🙂

R: La cosa che ami di più del tuo lavoro?
A: Riuscire ad essere utile (non credo nell’essere indispensabile) per il raggiungimento degli obiettivi e dare il mio contributo e mettere a disposizione l’esperienza acquisita per i colleghi che ne hanno bisogno.

R: E cosa cambieresti?
A: Alcune volte la comunicazione è veicolata in maniera errata. Alcuni sono convinti che non sempre serva, ignorando il fatto che la comunicazione è alla base del nostro lavoro.

R: L’oggetto a cui non puoi rinunciare sulla tua scrivania?
A: Il monitor da 27’’. Sarà strano ma vi assicuro che avere uno schermo gigante ti risolve un sacco di problemi. La difficoltà dopo esserti abituato sta poi nel tornare a casa e fare i conti con il tuo misero portatile. In realtà c’è un altro oggetto che ha un valore inestimabile: è un salvadanaio a forma di pesciolino che mi ricorda la mia collega e amica Daniela. Ogni giorno lo guardo e so che lei è sempre con me.

R: Una cosa che non hai mai detto al tuo capo…
A: L’esperienza di Parigi è stata per me significativa. Oltre alla maratona estenuante tra manuali, training ed esami, sono riuscito a conoscere la parte della città che non tutti conoscono (soprattutto quella culinaria). P.s. Ho finito le marmellate di “Fauchon”. Quando ci vai me le compri?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.