Crisi Twitter, Dorsey vuole cambiare: “Troppo testuale e difficile da usare”

Anche se non in modo significativo nel numero degli utenti attivi, Twitter è tornato a crescere. L’ultima trimestrale ha fatto segnare un utile di 91 milioni grazie a entrate complessive più alte delle previsioni: 731,6 milioni di dollari contro 686,1 milioni. Dunque se ne racconta la morte ogni sei mesi eppure il microblog dell’uccellino è ancora sul campo coi suoi 330 milioni di utenti. Anche se non è affatto fuori dalla crisi permanente in cui vive ormai da anni, in particolare per il ristagno dell’utenza. La scommessa per salvare la piattaforma, stando alle ultime mosse, è cambiarne il volto. Ben oltre i 280 caratteri ora disponibili per i post di tutti gli utenti, le catene di tweet o le piccole e poco incisive modifiche che si susseguono da mesi.

Ne ha parlato il cofondatore e Ceo Jack Dorsey, la cui cura sui conti di può dire a questo punto sulla buona strada, spiegando tuttavia che sia gli utenti che chi fa pubblicità trova il sito troppo complicato da usare. E spesso lo abbandona quando non riesce a trovare funzioni e strumenti che desidererebbe. Un tasso di rimbalzo eccessivo che da anni tiene il sito a terra, impedendogli una crescita paragonabile a quella dei concorrenti. Anzitutto perché abbatte il coinvolgimento e la crescita delle iscrizioni. Di conseguenza le tariffe pubblicitarie e le inserzioni. Così Dorsey ha spiegato che è il momento di “semplificare Twitter e fornire agli utenti esperienze più personalizzate”.

Il problema, pare di capire, è che troppi utenti ‘ronzano’ intorno alla piattaforma ma in (relativamente) pochi decidano di partecipare, cioè di aprire un profilo e iniziare a twittare: “Un terzo dei due milioni di nuove persone che arrivano ogni giorno sul sito hanno certe aspettative su come vorrebbero trovarlo e poi non riescono a trovare ciò che vogliono” ha detto Dorsey alla Technology and Internet Conference organizzata da Goldman Sachs. “C’è molto lavoro da fare, adesso”.

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.