L’eCommerce B2C in Italia

L’eCommerce B2C – Business to Consumer – in Italia è in netta crescita e continua evoluzione grazie all’avanzare della tecnologia, la consapevolezza dei clienti e l’impegno dei brand.

acquisti on lineDal report dell’Osservatorio eCommerce B2C curato da Politecnico di Milano e da Netcomm emergono tutti gli aspetti del commercio elettronico, le cui transazioni sono aumentate in 2 anni del 16%.

L’acquirente medio italiano è abituale, ma è sempre in cerca di novità; si tratta di 11 milioni di persone per lo più intorno alla fascia d’età 30-55 anni. E’spesso l’uomo a fare shopping via internet, anche se acquista bene per tutta la famiglia più che per sè.

Sono maggiori gli acquisti di servizi rispetto a quelli dei prodotti; il giro d’affari nel 2015 legato ai primi è di circa 10 miliardi con una crescita del 12% a fronte dei circa 7 miliardi con crescita del 21% per i secondi.

I settori che stanno avendo maggior successo sono:

  • turismo, con un incremento annuo del 14%
  • hi tech, con crescita del 21%
  • abbigliamento con incremento del 19%
  • editoria, con una crescita pari al 31% grazie ai libri.

A fare la differenza sono ovviamente i colossi dell’e-commerce come Zalando, Yoox ed Amazon; quest’ultimo è il protagonista dell’aumento della presenza dei prodotti artigianali italiani grazie all’istituzione della vetrina “made in Italy”.

Tra aggregatori e siti con e-commerce l’Italia può dire la sua!

Spiega Riccardo Mangiaracina, Direttore dell’Osservatorio eCommerce B2C:

Quest’anno  i prodotti emergenti acquistati online sono quelli dei settori alimentare, grocery e largo consumo confezionato, bellezza, giocattoli, mobili e complementi d’arredo, che nel complesso valgono poco più di un miliardo di vendite, mentre qualche anno fa non erano nemmeno rilevati

Nell’ambito della vendita dei servizi è il settore del turismo quello trainante, con un valore di 8 miliardi circa, rappresenta la metà delle transazioni B2C tramite web..non è un caso che siamo conosciuti come “Il bel Paese”.

Alessandro Perego, direttore Scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano ha commentato così:

La penetrazione dell’eCommerce raggiunge il 4% delle vendite retail, ma siamo ancora lontani dai principali mercati occidentali (Francia, Germania, UK e USA) dove l’eCommerce ha raggiunto livelli di diffusione fino a quattro volte più elevati. La strada per trasformare il commercio elettronico in una reale consuetudine di acquisto è tracciata dai principali player: occorre migliorare le prestazioni dei cosiddetti basics, ossia gamma, prezzo e servizio.

Roberto Liscia, Presidente di Netcomm ha aggiunto:

Secondo i dati del Net Retail, 8,5 milioni di individui lo scorso anno hanno cercato informazioni online mentre osservavano un prodotto in un negozio (cosiddetto fenomeno dell’info-commerce)Al tempo stesso si osserva anche la dinamica opposta, il fenomeno dello showrooming: 13,6 milioni di consumatori cercano oggi in un negozio un prodotto già visto online nel mese precedente. Questi dati mostrano molto chiaramente come il consumatore utilizzi canali online e offline non in maniera alternativa o cannibalizzando l’uno con l’altro, ma semplicemente ricercando in ognuno di essi la soddisfazione del bisogno che in quel momento lo spinge ad interagirvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.