Gdpr, la Commissione Ue: “Già 95.000 ricorsi da parte dei cittadini”

Iniziamo già a vedere gli effetti positivi delle nuove norme (Gdpr.ndr). I cittadini sono sempre più consapevoli dell’importanza della protezione dei dati e dei loro diritti e ora esercitano questi diritti, come riscontrano le autorità nazionali preposte alla protezione dei dati nel loro lavoro quotidiano. Quest’ultime hanno ricevuto finora circa 95 000 reclami da parte dei cittadini”. Questi i dati svelati oggi dalla Commissione europea in una dichiarazione congiunta del primo vicepresidente Frans Timmermans, del vicepresidente Andrus Ansip e delle commissarie Věra Jourová e Mariya Gabriel.

Alla vigilia della Giornata europea della Privacy e a otto mesi dall’entrata in vigore del regolamento Gdpr del 25 maggio 2018. “Siamo fieri di avere le norme sulla protezione dei dati più rigorose e più moderne al mondo, che si stanno affermando come norma globale. Il caso Facebook/Cambridge Analytica e le recenti violazioni di dati hanno dimostrato che stiamo andando nella direzione giusta. In gioco non ci sono solo la tutela della nostra privacy, ma anche la tutela delle nostre democrazie e la necessità di garantire la sostenibilità delle nostre economie basate sui dati”.

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.