Rapporto Clusit su cybercrimine: “Sorveglianza di massa e furto di segreti industriali. E’ l’anno peggiore di sempre”.

“L’anno peggiore di sempre”, lo chiama il rapporto Clusit 2019 dell’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica. Non è propriamente una novità: in fatto di cybersicurezza ogni anno è peggiore del precedente sia per numero sia per pericolosità delle minacce. Ma stavolta ci sono dei cambiamenti sensibili oltre alla crescita prevedibile delle attività dei criminali informatici (+43,8%) che ormai rappresentano il 79% delle minacce.

Rispetto al 2017, nel 2018 gli attacchi con impatto significativo sono aumentati a livello globale del 38% con una media di 129 al mese. Poco più di quattro al giorno e si tratta solo di quelli gravi e conosciuti. Gli attacchi mirati allo spiaggio sono aumentati del 58%, boom di minacce alle strutture sanitarie (+99%) e a strutture vitali come alle istituzioni (+40%).

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.