Vacanze e foto, che stress: gli italiani alla ricerca dello scatto perfetto

PASSIAMO più tempo in coda che visitando concretamente i luoghi perfetti per uno scatto da social. Siamo dunque disposti a sofferenze inaudite, perfino sotto il sole cocente, pur di mettere a segno la foto giusta. Anche se difficilmente ci riusciamo. Lo svela un sondaggio di Huwaei, che col suo P20 Pro ha in effetti ribaltato la logica della fotografia mobile, realizzato ascoltando oltre mille persone. Per capire comportamenti, abitudini, amori degli italiani in versione viaggiatori alle prese con la fotografia.

LA GIUSTA INQUADRATURA

Quanto tempo si passa in coda durante l’estate prima di poter finalmente visitare la propria meta? La ricerca svela che gli italiani trascorrono ben 24 milioni di ore in coda davanti alle mete più attrattive. Ovviamente non siamo supereroi: il 67% ammette di rinunciare ad alcune delle attrazioni turistiche più affascinanti proprio a causa delle lunghe e snervanti attese. E anche quando riusciamo a farcela, dopo infinite file, spesso falliamo l’appuntamento fotografico per cause di forza maggiore: il 27,3% ha infatti spiegato di essere disturbato dal sovraffollamento di monumenti, attrazioni, vedute e panorami e il 21,2% ha detto di non riuscire ad avvicinarsi per scattare al meglio i dettagli proprio per la stessa ragione. Così come di non essere in grado a ottenere la giusta inquadratura e luminosità (16.7%).

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.