Libra, ecco come funziona la moneta di Facebook

Come funzionerà Libra, la nuova moneta (né troppo cripto, a dirla tutta, né esclusivamente virtuale, viste le prospettive e i progetti appena accennati da Mark Zuckerberg in un lungo post) targata Facebook? Per ora non se ne sa moltissimo, visto che il lancio è programmato per il 2020, ma l’identikit di base sembra tuttavia chiaro. Semigratuita nelle commissioni, tendenti a zero almeno per gli scambi più elementari fra utenti, ubiqua ma pur sempre a partire dalle piattaforme dell’ecosistema di Menlo Park e poi con un’app autonoma, destinata a uscire dal mondo online per essere usata anche nei negozi, per i trasporti, per pagare gli acquisti di ogni giorno. Se il modello di partenza è quello di WeChat, lo schema di approdo è ben più ambizioso: costruire una valuta mondiale parallela, ancorata ad asset sicuri, utilizzabile potenzialmente ovunque, da scambiare con valute tradizionali senza rischiare troppo. E possibilmente inclusiva, che sia cioè disponibile anche per quell’oltre miliardo e mezzo di persone che non dispongono di servizi bancari di base ma che hanno per le mani un telefonino.

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.