Sotto attacco il 37% computer che raccoglie dati biometrici

Nel terzo trimestre del 2019, il 37% dei computer utilizzati per raccogliere, elaborare e memorizzare dati biometrici (come impronte digitali, geometria della mano, viso, voce e iride) ha subito almeno un tentativo di infezione da malware. Lo afferma un’indagine dell’azienda di sicurezza informatica Kaspersky, condotta sui dispositivi che hanno installati i prodotti della compagnia.

Nel complesso, riferisce l’azienda, sono stati bloccati un numero significativo di campioni di malware di tipo convenzionale, tra cui i moderni Trojan ad accesso remoto (5,4%), i malware utilizzati negli attacchi di phishing (5,1%), i ransomware (1,9%) e i banking Trojan (1,5%). La principale fonte delle minacce è risultata essere internet. Queste minacce sono state bloccate sul 14,4% di tutti i sistemi di elaborazione dei dati biometrici.

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.