Anche l’intelligenza artificiale ha bisogno di dormire

In futuro i robot potrebbero schiacciare qualche pisolino: le loro reti neurali artificiali, infatti, hanno bisogno di riposare per recuperare la stabilità persa durante l’apprendimento, proprio come il cervello umano. Lo hanno scoperto i ricercatori del laboratorio statunitense di Los Alamos, in Nuovo Messico, grazie a uno studio che sarà presentato a Seattle in occasione del prossimo convegno Women in Computer Vision.
“Noi studiamo le reti neurali artificiali a impulso, sistemi che apprendono come il nostro cervello”, spiega la ricercatrice Yijing Watkins. “Eravamo affascinati dalla prospettiva di addestrare un processore neuromorfico in modo analogo a come gli esseri umani e altri sistemi biologici imparano dall’ambiente durante lo sviluppo dell’infanzia”. Gli esperimenti condotti in laboratorio, però, hanno dimostrato che dopo periodi continui di apprendimento incontrollato, le reti neurali artificiali diventano instabili. I ricercatori hanno quindi pensato di farle ‘riposare’ esponendole a diversi tipi di rumore (simili alle interferenze che si sentono alla radio passando da una stazione all’altra).

Leggere l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.