Arriverà il cartello “Non disturbare”: Facebook e Instagram possono andare in pausa

DOPO la fase della dipendenza e della dopamina a gogo si sta scatenando quella opposta del paternalismo digitale. In fondo è vero: lo smartphone, e gli ambienti a cui ci dà accesso ogni istante della nostra vita, lo controlliamo decine di volte al giorno. Alcuni in modo compulsivo. Parecchi studi parlano di una forchetta fra le 80 e le 120 sessioni ogni 24 ore. Se invece allarghiamo al semplice tocco, cioè al richiamo quasi ancestrale dell’oggetto, la cifra s’impenna sulle migliaia di volte. Per questo Apple e Android stanno per introdurre nelle nuove versioni dei loro sistemi operativi – rispettivamente iOS 12 e Android P – delle modalità per rendere i dispositivi meno invasivi. Anzi, per aiutarci a combattere la dipendenza.
D’altronde sul tema si è espresso da poco lo stesso Tim Cook, grande capo di Apple: “Onestamente non abbiamo mai voluto che le persone esagerassero con l’utilizzo dei nostri prodotti e abbiamo cercato di riflettere profondamente su come possiamo aiutarli – ha spiegato – vogliamo che le persone siano spinte dai loro telefoni a fare cose che non potrebbero fare altrimenti. Ma se passi tutto il tuo tempo sul telefono, vuol dire che stai spendendo troppo tempo al cellulare”. Parole che hanno fatto discutere.

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.