I videogiochi valgono una miniera d’oro. Ma solo per i criminali informatici

Per i criminali informatici, i videogiochi sono una miniera d’oro
Quello dei videogiochi è uno dei mercati più effervescenti: più grande, come valore, di quello del cinema, continua a reinventarsi, trascinando sempre più gente nelle prove d’abilità, di coraggio, di riflessi o dei semplici passatempi. Ma per qualcuno rappresentano anche altro: una scorciatoia verso il denaro facile, con pochi rischi e ancor meno fatica. «Grazie ai nostri centri di raccolta dati – dice Martin McKeay, security Advocate di Akamai – abbiamo visto negli ultimi 17 mesi ben 55 miliardi di tentativi di accesso illegale ad account online. Di questi, 12 miliardi erano indirizzati a piattaforme di gioco».

Questo significa che oltre venti attacchi ogni 100 hanno come bersaglio un videogiocatore, ma perché così tanta attenzione verso chi si diverte online?

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.