Stop alla pubblicità ‘maligna’: Facebook filtra i siti acchiappa-clicStop alla pubblicità ‘maligna’: Facebook filtra i siti acchiappa-clic

CONTENUTI scioccanti, privi di alcun valore informativo, e spesso corredati da annunci pubblicitari altrettanto dubbi e scivolosi. Come annunciato nei mesi scorsi Facebook dà inizio alle ‘pulizie di primavera’ fra i post che circolano nelle nostre bacheche. Lo fa con l’aiuto delle soluzioni di intelligenza artificiale: grazie agli algoritmi, sempre più raffinati, determinerà se i link condivisi sulla piattaforma dirigono le persone a siti attendibili e di un qualche interesse oppure ad altri che offrano una “esperienza di bassa qualità” per via delle pubblicità o dei contenuti che offrono.

 

I link di questo tipo (quelli spesso accompagnati da foto poco chiare e scioccanti, titoli strillati che si rivelano inventati di sana pianta senza alcun contenuto fondato da comunicare e che ospitano pagine zeppe di banner equivoci) saranno fortemente penalizzati. Scivoleranno cioè molto in basso nella bacheca e ovviamente non potranno godere delle campagne di sponsorizzazione all’interno di Facebook. Cioè saranno esclusi dai programmi di advertising. E dai relativi guadagni.

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.