La spending review dello spreco – il decalogo di TP Italia

Ridurre gli sprechi del cibo non è una missione impossibile e noi di Teleperformance Italia, nell’ambito del progetto Citizen of the planet – COTP, a favore del nostro pianeta, riteniamo necessario far proprie alcune indicazioni virtuose.

A contribuire notevolmente alla produzione dei rifiuti sono anche gli sprechi con quasi 5 milioni le tonnellate di cibo che ogni anno vengono gettate nelle case degli italiani.

Spesa più oculata, attenzione alla data di scadenza, riduzione delle quantità acquistate e riutilizzo degli avanzi sono le linee guida per la “Spending Review“ degli sprechi.

Di seguito un importante decalogo che deve rappresentare la bussola dei nostri comportamenti virtuosi:

1. Preferire l’acquisto di prodotti locali che non devono subire lunghi trasporti con mezzi inquinanti.

2. Scegliere frutta e verdura di stagione che non consumano energia per la conservazione.

3. Ridurre le intermediazioni fino a fare acquisti direttamente dal produttore, per evitare passaggi di mano del prodotto che spesso significano inutili trasporti.

4. Privilegiare i prodotti sfusi che non consumano imballaggi come i distributori automatici di latte.

5. Acquistare confezioni formato famiglia rispetto a quelle monodose per ridurre il consumo di imballaggi per quantità di cibo consumato.

6. Fare acquisti di gruppo (anche in condominio) per ridurre i consumi di energia nei trasporti per fare la spesa.

7. Riutilizzare le borse per la spesa e servirsi di quelle fatte con materiali biodegradabili di origine agricola nazionale o di tela invece di quelle in plastica.

8. Ottimizzare l’energia consumata nella preparazione e conservazione dei cibi con pentole e frigoriferi a basso impatto.

9. Ridurre gli sprechi ottimizzando gli acquisti e riscoprendo la cucina degli avanzi per evitare che finiscano tra i rifiuti.

10. Fare la raccolta differenziata per consentire il recupero di energia dai rifiuti prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.