Riscaldamento globale, evitare il punto di non ritorno dipende dalle nostre scelte

Cambiamento climatico, inquinamento ambientale e riduzione della biodiversità stanno spingendo la Terra verso un punto di non ritorno. Il grido d’allarme della comunità scientifica nei confronti di questi fenomeni, che si alimentano a vicenda in un vero e proprio circolo vizioso, non deve rimanere inascoltato. Il riscaldamento dell’Artico procede a un ritmo due volte superiore rispetto al resto del pianeta e lo scioglimento dei ghiacci del permafrost causa il rilascio in atmosfera del metano, potente gas serra che a sua volta accelera l’aumento globale della temperatura in un processo sempre più distruttivo.

Gli incendi che hanno devastato la Siberia e l’innalzamento del livello del mare sono conseguenze dirette del cambiamento climatico, che si manifesta anche sotto forma di ondate di freddo estremo, come le tempeste di neve che lo scorso febbraio, in Texas, hanno provocato morti e pesanti danni infrastrutturali. 

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.