Spotify cresce tra adv e abbonamenti premium

Spotify è in netta crescita come numero di utenti e come fatturato, cresce infatti la consistenza degli adv degli inserzionisti e degli abbonamenti premium sottoscritti.

spotify tra pubblicità ed abbonamentiIl servizio di streaming musicale offerto dalla svedese Spotify AB già dal 2008 piace tanto; sono 60 milioni le persone che si servono del on-demand di selezioni di brani delle etichette indipendenti oltre che Sony, Warner, Universal ed EMI.

Un numero così elevato di fruitori garantisce entrate importanti dalla pubblicità; il rientro economico è così elevato da poter garantire all’azienda proprietaria della piattaforma sempre nuovi investimenti per ampliare il ventaglio di offerta e per garantire sempre maggiori servizi puntando alla customer satisfaction.

Spotify si è garantita le entrate economiche, quindi il ROI, oltre che dall’advertising, proprio da servizi che escludono in toto la pubblicità; come?

Prevedendo, per chi non desidera “intrusioni” degli spot, degli abbonamenti a pagamento.

Il servizio piace, gli utenti abbonati a Spotify sono arrivati ad essere 15 milioni, il 25%degli utenti!

Va anche specificato che il grande successo della piattaforma di streaming musicale viene anche dalle joint-venture con altre realtà importanti, come Uber, che ha permesso ai prorpi utenti di avere un soundtrack dedicato ai propri viaggi in automobile.

Complimenti quindi a Spotify e…buon ascolto a tutti voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.