World Password Day, 10 consigli per proteggere le tue email

IL WORLD Password Day ‘torna’ per ricordarci che, come sempre, c’è molto da fare per aumentare il livello di sicurezza dei nostri account e dei nostri dispositivi. Anche nel 2017, per esempio, ha vinto l’immarcescibile “123456” o con la strepitosa variante “12345678”). Le procedure in due passaggi hanno migliorato la situazione ma spesso comportano lungaggini e, tranne in certi casi delicati (profili bancari), gli utenti faticano a sposarli. E si affidano alle date di nascita o ad altre trovate come “password”, qwerty” o “passw0rd”.

I cyberattacchi e i furti d’identità si fanno sempre più sofisticati, spesso alimentano vere e proprie ondate periodiche, e furti clamorosi – come quello a cavallo del 2017 e 2018 – compromettono milioni di password, indirizzi email, username e altri estremi. Senza contare i punti deboli del cosiddetto “wetware”, il lato umido del nostro rapporto con la tecnologia, cioè noi stessi, che tendiamo appunto per pigrizia o ignoranza ad affidarci a password sempre uguali o di poco diverse, oltre che poco fantasiose, per numerosi servizi.

Leggi l’articolo completo QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.